Passione educativa

Il Progetto Educativo


“Non si dà separazione tra momenti di apprendimento e momenti di educazione, tra momenti della nozione e momenti della sapienza. Le singole discipline non presentano solo conoscenze da acquisire, ma valori da assimilare e verità da scoprire”

Nel concreto l’azione educativa è finalizzata a:

  • ricercare il senso della vita, scoprendo le bellezze del proprio mondo interiore e del Creato;
  • costruire il proprio futuro, attraverso lo studio e la ricerca della verità;
  • relazionarsi con gioia, dialogando, collaborando, donando;
  • aprirsi fiduciosamente all’altro, ampliando i propri orizzonti.

I protagonisti


Le suore

“Godete di trovarvi in mezzo ai piccoli, che sono il sorriso di Gesù. Abbiate per essi tutte le cure. Cercate le vie più opportune per giungere alle loro anime e al loro cuore, educate la loro volontà, rendete serena la loro vita”.
Le Piccole Figlie del Sacro Cuore, quali umili strumenti di un progetto di amore, ovunque operino, desiderano essere seminatrici di speranza per attirare i fratelli a Cristo Cuore del Mondo.
Condividono pienamente con i laici (famiglie ed insegnanti) l’impegno di costruire nella scuola un ambiente educativo permeato dallo spirito evangelico di libertà e carità.

I docenti

“Educare è dono dell’amore; è vocazione; è ad un tempo dovere e gioia, ma è anche sfida.”
Educatori competenti, convinti, coerenti, appassionati del “lavoro educativo” mirano a:

  • promuovere la crescita della persona in tutte le sue dimensioni,
  • vivere l’accoglienza e la solidarietà, 
  • far maturare una libertà rispettosa degli altri e un senso di responsabilità nei confronti di sé stessi e del mondo.

Gli alunni

“Ciò che siamo è il dono che Dio ci ha fatto. Ciò che diventiamo, è il dono che noi facciamo a Dio..”
Agli alunni è richiesto un serio impegno nella propria formazione umana, culturale, religiosa e la capacità di vivere in comunità nel rispetto reciproco e nella graduale conquista della vera libertà.

I genitori

“Voi siete gli archi dai quali i vostri figli come frecce viventi sono lanciati. L’arciere vede il bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi piega con la sua potenza perché le sue frecce volino veloci e lontane.”
I genitori sono chiamati ad una scelta consapevole del progetto educativo della scuola e una volonterosa e lieta cooperazione nell’attuarlo.