Consiglio di Istituto

REGOLAMENTO del CONSIGLIO D’ISTITUTO (>> scarica il pdf)
Articolo 1 : CONSIGLIO D'ISTITUTO
Il Consiglio d'Istituto, che dura in carica tre anni è formato da:
Membri di diritto:
Coordinatore delle attività educative e didattiche (CAED), Rappresentante del Consiglio della Congregazione (RPFSC), Responsabile della Comunità religiosa (RC), Vicario del CAED (VIC).
Membri eletti: N. 6 docenti eletti a maggioranza relativa dal Collegio dei Docenti (possibilmente due provenienti dalla scuola primaria e quattro dalla scuola secondaria di primo grado) e N. 6 genitori eletti a maggioranza relativa tra i rappresentanti effettivi di classe (possibilmente tre provenienti dalla scuola primaria e tre dalla scuola secondaria di primo grado), con diritto di voto.
Sono invitati a partecipare anche tutti gli altri genitori rappresentanti di classe effettivi e in caso di impossibilità delegare il sostituto, senza diritto di voto.


Il Consiglio d'Istituto ha le seguenti competenze:

  • Stendere il proprio regolamento.
  • Adattare e approvare il calendario scolastico avvalendosi della Legge sull'autonomia (Legge 59/97).
  • Collaborare nella programmazione e attuazione delle attività parascolastiche,
  • interscolastiche ed extrascolastiche.
  • Promuovere la partecipazione dell'Istituto ad attività culturali, sportive, ricreative.
  • Proporre forme e modalità per lo svolgimento di iniziative di solidarietà.
  • Cercare strategie comuni per favorire la crescita umana e promuovere una serena convivenza civile, condividendo gli obiettivi raggiunti e le eventuali problematiche.
  • Dare pareri sull'andamento generale didattico e amministrativo.
  • Eleggere il Presidente.

Articolo 2: ELEZIONE DEL PRESIDENTE
Nella prima seduta il Consiglio convocato dal CAED, elegge il Presidente tra i rappresentanti dei genitori membri del Consiglio stesso. L’elezione ha luogo a scrutinio segreto. Sono candidati tutti i genitori membri del Consiglio. E’ considerato eletto Presidente il genitore che abbia ottenuto la maggioranza assoluta dei voti rapportata al numero dei componenti del Consiglio.
Qualora non si raggiunga nei primi due scrutini detta maggioranza, alla terza votazione risulta eletto chi ha raggiunto la maggioranza relativa.
Dopo l’elezione il numero dei Consiglieri va reintegrato.
Il Presidente del Consiglio d’Istituto non decade dall’incarico quando il relativo figlio passa dalla scuola primaria alla secondaria di primo grado.


Articolo 3: CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO D'ISTITUTO
Il Consiglio d'Istituto si riunisce in seduta ordinaria almeno una volta ogni tre mesi e potrà essere convocato dal Presidente in seduta straordinaria ogni volta che il CAED o un terzo dei componenti del Consiglio stesso lo ritenga opportuno o necessario.
Tali riunioni sono aperte ai rappresentanti effettivi di classe.
La convocazione ordinaria del Consiglio d’Istituto deve essere disposta con un preavviso di massima non inferiore ai 5 giorni rispetto alla data delle riunioni, le straordinarie nel minor tempo possibile. Con il preavviso verrà comunicato anche l’ordine del giorno.
Di ogni seduta verrà redatto un verbale firmato dal Presidente e dal CAED su apposito registro, a disposizione dei genitori rappresentanti di classe che ne facciano richiesta.
Le sedute sono valide se è presente la metà più uno dei componenti. Le deliberazioni del Consiglio diventano esecutive dopo che la Giunta (formata di diritto dal Presidente, dal Preside e dalla Segretaria), le ha adottate.


Articolo 4: CASI DI ASSENZA O IMPEDIMENTO DEI MEMBRI DEL CONSIGLIO
D'ISTITUTO
In caso di assenza o impedimento dei membri di diritto del Consiglio d’Istituto, essi vengono temporaneamente sostituiti nel Consiglio d’Istituto e nella Giunta da persona da essi delegata. Gli altri consiglieri eletti non possono dare mandato di rappresentanza ad altre persone. I membri eletti che non intervengono a tre sedute consecutive del Consiglio d’Istituto, decadono dalla carica e vengono sostituiti secondo la graduatoria dei non eletti della relativa componente.


Articolo 5: DIMISSIONI DAL CONSIGLIO D'ISTITUTO

Le dimissioni da Consigliere devono essere consegnate al Presidente che ne informerà il Consiglio.
Il Preside può richiedere le dimissioni di un membro del Consiglio qualora esistano motivi che contrastino con le finalità educative che la scuola propone. Ogni Consigliere dimissionario o decaduto sarà sostituito dal primo dei non eletti o in mancanza di questi si procederà a regolari elezioni della componente incompleta.


Articolo 6: MODIFICHE
Le modifiche che nel tempo si rendessero necessarie dovranno essere approvate con la maggioranza dei due terzi dei componenti del Consiglio ( 10 membri ) e diventeranno esecutive dopo la ratifica della Giunta. Per quanto non contemplato nel presente Regolamento, si fa riferimento alle leggi vigenti.